" />

" Sotto il mare " - O'Klit

100,00
Quantità:
Prodotto aggiunto al carrello. Vai al carrello
È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto Vai al carrello

SKU 200367
Spese di spedizione: gratis
Consegna prevista entro Lunedì 05/12

Tags   #mare  #pesce  #oklit  #olita 

Dipinto ad acrilico su legno con cornice
Dimensioni - cm. 43 x 43 Cornice compresa


Giuseppe Olita, in arte O'Klit, nasce a Potenza il 16 Marzo 1975. Maestro di Pittura, laureato presso l'Accademia di Belle Arti di Firenze. Espone presso la "Gallerie Art Present Expose" di Parigi. Ottiene numerosi riconoscimenti, affermandosi come artista innovativo, accattivante, frenetico e sperimentale, tanto esuberante quanto sensibile ed introspettivo.

Colori che si trasformano in sentimenti capaci di allargare lo sguardo interiore e ci prendono al volo come un tappeto magico per riportarci all’età della spensierata fanciullezza. Questi i quadri di O.Klit. Catturano lo sguardo e iniettano un’emozione giocosa che arriva in quella parte più nascosta ma più vera che è in noi. Giuseppe Olita (questo il suo nome di battesimo) appartiene, fin dagli anni della sua adolescenza al mondo dei colori e del segno grafico. Ha iniziato a dipingere dagli anni ’90. Le sue forme e tutto ciò che ritrae –tutt’uno con i colori, amici e complici- mettono a nudo quella parte di noi oscurata dalla razionalità e da una visione utilitarista. O.klit invece ci riconsegna l’essenza di un’esistenza autentica, ci fa provare l’ebbrezza di camminare in compagnia della fantasia e dell’irrazionale. Il tutto animato dal giallo, dal verde, dall’arancio, dal blu, dal rosso, dall’azzurro….. I soggetti da lui “interpretati” nelle sue tele sembrano entrare nelle case di chi li possiede divenendo “presenza” amica. E vien voglia di tuffarsi nei suoi dipinti per volare con le farfalle o confondersi tra i fiori e i pesci e correre con gli aquiloni tra i papaveri in un paesaggio senza confini. O.Klit ha attraversato già diverse stagioni del suo dipingere (altrettanto originali e uniche le sue cornici artistiche in giro per l’Italia). Dopo l’iniziale “blu malinconico” che rappresentava l’uomo solo o insoddisfatto è passato – con i colori vivi - alla consapevole freschezza della vita attraverso un mondo naturale animato e carico di espressività. Indubbiamente l’essere papà ha inconsciamente contribuito a questa svolta anche perché l’esperienza di vita non può prescindere dalla produzione di un artista. E lui, O.Klit lo confessa con semplicità “anche se – dice – il momento della produzione è avvenuto senza consci ragionamenti”. Maria De Carlo